Home Agenda Associazione Attivita' Documentazione Link Contatti
cerca
NEWS › NEWS CP
HomeNews › Scheda articolo
Da Compubblica un NO deciso contro il tentativo di colmare le criticita' gestionali dell'INPGI con una toppa giuridicamente insostenibile e socialmente inaccettabile.
31 dicembre 2020

 

Da Conte un pericoloso teorema che non sta in piedi.
ll Governo contro i diritti dei cittadini a una comunicazione pubblica 

Un Paese che non investe nella relazione tra cittadini e istituzioni è un Paese in cui i valori democratici sono in grave pericolo. 


Pericolose e sintomatiche di quanto il tema sia trascurato dal Governo sono le parole del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte nella conferenza stampa di fine anno sul dirottamento dei contributi previdenziali dei comunicatori come soluzione per colmare il baratro economico-finanziario dell’INPGI.  Consapevoli del valore del ruolo dei giornalisti dentro e fuori la Pubblica Amministrazione come watchdog del potere, i comunicatori pubblici italiani guardano con solidale preoccupazione alle vicende dell’Istituto previdenziale dei giornalisti, auspicando una soluzione solida e definitiva nell’alveo dei diritti costituzionali e del nostro ordinamento.  Pur tuttavia è evidente il tentativo - nell’incapacità di andare alle cause del problema e trovando soluzioni concrete e stabili - di colmare le criticità gestionali dell’INPGI con una toppa giuridicamente insostenibile e socialmente inaccettabile: un pericoloso teorema che non sta in piedi.  Le parole del Presidente Conte manifestano inoltre – per quanto attiene al ruolo della comunicazione pubblica – la disattenzione radicata della politica verso quello che il Presidente Mattarella ha invece più volte e in più occasioni evidenziato come un “un vero e proprio servizio che le amministrazioni pubbliche rendono ai cittadini. Tale forma di comunicazione non ha un carattere unidirezionale ma è, al contrario, fortemente interattiva, rappresentando la strada maestra per superare ogni tentazione autoreferenziale da parte delle amministrazioni”.  L’Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale, nata trent’anni fa per contribuire alla modernizzazione del Paese e per dare alle cittadine e ai cittadini istituzioni dialoganti, inclusive, trasparenti, chiede un incontro pubblico urgente al Presidente del Consiglio dei Ministri e con i Ministri titolari delle deleghe coinvolti nella vicenda, per bloccare immediatamente questa sciagura che, peraltro, non fonda su una ordinata e organizzata identificazione dei comunicatori pubblici all’interno della PA. Abbiamo chiesto da tempo un censimento analitico dei comunicatori all’interno della Pubblica Amministrazione, in cui, peraltro, la legge che disciplina ruolo, funzioni, competenze e formazione dei comunicatori pubblici è ancora largamente disattesa.  Compubblica fa inoltre appello a tutte le forze politiche e sociali per sostenere – nei fatti - il primato della comunicazione e dell’informazione pubblica rispetto alla propaganda, al fine di scongiurare che nella Legge di Bilancio o in qualche altro provvedimento venga infilato qualche comma o qualche articolo volto a demolire – come nel caso dello scippo dei contributi dalle casse dell’INPS verso l’INPGI o con la nascita di nuove fantasiose categorie professionali – il diritto dei cittadini a essere informati e in relazione con le Istituzioni.  Da civil servant difenderemo in tutte le sedi e con ogni strumento il valore democratico della comunicazione e dell’informazione pubblica in ossequio ai principi espressi dalla nostra Costituzione e dai trattati dell’Unione Europea. Un Paese che non investe nella relazione tra cittadini e istituzioni è un Paese in cui i valori democratici sono in grave pericolo. 
archivio completo »

AGENDA
tutti gli appuntamenti di Gennaio »












"Comunicazione Pubblica" sostiene

Mappa Aiuto Credits Privacy

Comunicazione Pubblica - Direzione di Milano tel./fax 02/67100712 r.a.
2001-2021 © Comunicazione all rights reserved - P.Iva 04630291005

Il sito web dell'Associazione Comunicazione Pubblica non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto