Home Agenda Associazione Attivita' Documentazione Link Contatti
cerca
NEWS › NEWS CP
HomeNews › Scheda articolo
Il dilemma del Re dell'Epiro. Vinta o persa la guerra nella vicenda della comunicazione pubblica italiana?
19 febbraio 2019 | Categoria: Da leggere

 
Autori: Stepano Rolando, Stefano Sepe
Editore: Editoriale scientifica

Di Pirro re dell'Epiro si dice che vinse le battaglie ma perse la guerra. Il dilemma - rispetto alla storia della comunicazione pubblica nell'evoluzione democratica italiana - sta nel fatto che si potrebbe anche dire che le battaglie sono andate in modo difforme ma che, grazie a cambiamenti sostanziali delle Istituzioni e della domanda sociale, la guerra la si sia vinta. In realtà nel bilancio del simbolico re dell'Epiro dovrebbero andare i passi avanti fatti dallo Stato e da tanti soggetti pubblici (scuola, sanità, eccetera) per aiutare la società a sapere e a crescere con la verità. E dovrebbe andare l'introduzione della trasparenza e dell'accesso che ha formalmente derubicato il silenzio e il segreto. Dovrebbe andare anche altro: misteri, oscurità, reticenze, manipolazioni, soprattutto omissioni, di segmenti delle Istituzioni rimasti nella cultura comunicativa propria di un sistema autoritario, non evoluto malgrado la Costituzione che avrebbe dovuto estirparlo.

Dicono gli autori che "il dilemma, quindi, non è indicisione. E' lo spaccato di due Italie in cui abbiamo vissuto, in cui abbiamo appartenuto a ragioni contrapposte, in cui abbiamo difeso principi oggi leggibili come un chiaroscuro. E che ci restituiscono l'urgenza in un moderno riformismo".
archivio completo »

AGENDA
tutti gli appuntamenti di Maggio »












"Comunicazione Pubblica" sostiene

Mappa Aiuto Credits Privacy

Comunicazione Pubblica - Direzione di Milano tel./fax 02/67100712 r.a.
2001-2019 © Comunicazione all rights reserved - P.Iva 04630291005

Il sito web dell'Associazione Comunicazione Pubblica non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto