Home Agenda Associazione Attivita' Documentazione Link Contatti
cerca
NEWS › NEWS CP
HomeNews › Scheda articolo
Sanità, così nel 2030?
08 maggio 2018

 
Dal Report "Building the Hospital of 2030" di Aruba, società di Hewlett Packard Enterprises, che mostra sia la probabilità sia la necessità per l'industria sanitaria di creare ambienti di lavoro più intelligenti che incorporino tecnologia mobile, cloud e Internet delle cose-IoT ed esamina i modi in cui tutto questo trasformerà l'esperienza del paziente e migliorerà l'assistenza clinica.

Al momento questo approccio comporta più rischi informatici. Già l'89% delle organizzazioni sanitarie che ha adottato una strategia IoT ha subìto una violazione dei dati. Rigide regole di sicurezza sono attese con l'arrivo di nuovi dispositivi tecnologici, nel corso del prossimo decennio una grande sfida per la Sanità sarà mantenere la tracciabilità di tutti i dispositivi che si collegano alla loro rete condividendo dati medici.

Dall'indagine sono cinque le ipotizzabili previsioni chiave sulle trasformazioni del settore entro il 2030. Autodiagnosi del paziente: grazie a dispositivi indossabili, basati su app per monitorare la salute ed eseguire ecografie, i pazienti avranno la possibilità di auto-diagnosticarsi da casa le condizioni di salute, senza doversi recare in ambulatorio o in ospedale. Ospedale automatizzato: il check-in ospedaliero includerà una tecnologia di imaging in grado di valutare frequenza cardiaca, temperatura e frequenza respiratoria sin dall'ingresso, i sensori potranno rilevare la pressione sanguigna ed effettuare un elettrocardiogramma entro 10 secondi, generando un triage automatico o addirittura una diagnosi al momento. Meno dispendio di tempo per gli operatori sanitari: medici e infermieri, che al momento impiegano fino al 70% del loro tempo in lavori amministrativi, potranno valutare rapidamente ecografie o cartelle cliniche con un dispositivo mobile risparmiando tempo utile per concentrarsi sulla cura del paziente. Archivio di dati digitali: i dispositivi si integreranno con le cartelle cliniche digitali, aggiornando automaticamente le condizioni e le terapie, fornendo agli operatori dati più completi, in tempo reale, facilmente accessibili per prendere decisioni opportune. Consenso "AI": quando l'Intelligenza Artificiale (AI) inizierà ad avere un ruolo cruciale nella diagnosi e nelle terapie, se saremo favorevoli a farci rilasciare diagnosi da una macchina il sostegno del pubblico aumenterà, purché i servizi siano progettati e implementati intorno ai pazienti, i benefici vengano ben spiegati e venga accordata l'autorizzazione.

Il Report dice, infine, che vi sono Organizzazioni sanitarie che hanno già intrapreso il percorso verso la digitalizzazione. La ricerca afferma che quasi due terzi (64%) delle organizzazioni sanitarie rilevate hanno iniziato a connettere i monitor dei pazienti alla loro rete e che il 41% sta collegando dispositivi di imaging o radiografici.

"Healthcare will become digitised by 2030"

 
archivio completo »

AGENDA
tutti gli appuntamenti di Ottobre »












"Comunicazione Pubblica" sostiene

Mappa Aiuto Credits Privacy

Comunicazione Pubblica - Direzione di Milano tel./fax 02/67100712 r.a.
2001-2018 © Comunicazione all rights reserved - P.Iva 04630291005

Il sito web dell'Associazione Comunicazione Pubblica non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto