Home Agenda Associazione Attivita' Documentazione Link Contatti
cerca
NEWS › NEWS CP
HomeNews › Scheda articolo
Tra comunicazione pubblica e trasparenza
17 febbraio 2014 | Categoria: L'Associazione

 

Al webinar "Trasparenza comunicativa: le novità normative e il ruolo della comunicazione pubblica", lo scorso 12 febbraio, Pier Carlo Sommo, segretario generale di "Comunicazione Pubblica" e Alessandro Lovari, docente all'Università di Sassari, hanno proposto alcuni spunti di riflessione su trasparenza e ruolo del comunicatore e sulla relazione tra comunicazione pubblica, trasparenza e tecnologie.

 "Non è autentica trasparenza immettere sul web atti amministrativi incomprensibili sul piano concettuale e linguistico" ha detto Sommo, insistendo su come "la trasparenza non è da considerarsi tanto quale valore in sé, è un valore strumentale al raggiungimento di fini superiori, il controllo democratico su responsabilità, buon andamento e imparzialità delle Amministrazioni".

Quanto affermato da Pier Carlo Sommo è in sintonia con la relazione di Alessandro Lovari, il quale, a proposito di percorsi di innovazione della Pubblica Amministrazione ha detto che "questi sono caratterizzati dalle complesse e articolate pratiche di assemblaggio tra tecnologie digitali e cultura organizzativa. Questo assembled mix si viene a modificare e differenziare ancora di più con l'impatto dei social media e la logica del web 2.0" e che "il web 2.0 e i social media abilitano i cittadini a diventare emittenti che veicolano e fanno sentire la propria voce nella nuova sfera pubblica digitale. Si tratta di tutte quelle forme, singole o collettive, con le quali i cittadini sono presenti in Rete come produttori di contenuti di interesse generale".

 Perciò, a proposito di problematiche organizzative, essendo la "comunicazione pubblica sui social materia 'liquida', sono state numerose le soluzioni organizzative scelte dai vertici delle Pubbliche Amministrazioni per la loro gestione". Tant'è che "si sono affermati usi e prassi in cui accanto al naturale affidamento dei social alle strutture di comunicazione e informazione, queste piattaforme sono state affidate o prese in carico da strutture tecnologiche o da consulenti esterni per sopperire a mancanza di competenze interne o per opportunità politica".

 Lovari ha concluso asserendo di fare "attenzione ad alzare l'asticella dell'innovazione per non deludere le aspettative e innescare la retorica dell'innovazione tecnologica" e di "non sovrapporre la comunicazione pubblica con quella politica (piattaforme, redazioni, policy)".

Il webinar e la documentazione sono disponibili su http://eventipa.formez.it/node%20/11786

archivio completo »

AGENDA
tutti gli appuntamenti di Agosto »












"Comunicazione Pubblica" sostiene

Mappa Aiuto Credits Privacy

Comunicazione Pubblica - Direzione di Milano tel./fax 02/67100712 r.a.
2001-2019 © Comunicazione all rights reserved - P.Iva 04630291005

Il sito web dell'Associazione Comunicazione Pubblica non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto