Home Agenda Associazione Attivita' Documentazione Link Contatti
cerca
LA RIVISTA
HomeLa Rivista › Scheda evento
La comunicazione: strumento per l'esercizio della responsabilit? collettiva
Numero 98 settembre-ottobre-novembre

Negli ultimi quarant'anni, non ricordo un politico sconfitto che non abbia praticato il consolatorio rito del "non siamo stati capaci di comunicare". Eppure di quei governi, di quei presidenti, di quei sindaci non era trascorso giorno senza che televisione, radio e giornali non ne avessero dato conto, parlato e spiegato.

Quale "incapacit?" viene dunque chiamata in causa il giorno dopo ogni sconfitta? La risposta ? sempre la stessa. Sino a che si continuer? a confondere il meccanismo informativo con quello comunicativo, sino a che si continuer? a scambiare gli annunci con i fatti e i progetti con le realizzazioni, sar? inevitabile interrogarsi su dove, come e quando si ? stati incapaci di comunicare. Si preferir? credere che la vittoria o la sconfitta siano dipese da una bandana, da un riuscito maquillage, da una comparsata televisiva alla ricerca della maestra elementare perduta.

Quasi che i milioni di persone che guardano la tv (cosa dovrebbero fare invece?) non siano poi gli stessi che, giorno dopo giorno, debbono sopravvivere nella giungla delle difficolt? e dei problemi. La verit? ? che tra la promessa di comunicare e la fatica di farlo occorre stabilire un forte esercizio di coerenza. Spesso, invece, la comunicazione viene invocata prima (campagna elettorale), trascurata poi (periodo di governo) e rimpianta dopo (sconfitta).

Comunicare ? un complesso meccanismo che richiede onest? intellettuale, fatica e impegno. Un processo "bidirezionale" che non basta enunciare teoricamente se poi non si riesce a praticare nella quotidianit?. Questo vale per tutti e, a maggior ragione, per chi governa il Paese.

Prendiamo, ad esempio, il decreto Bersani, materia incandescente di questo intenso periodo. Gli effetti negativi del solo annuncio sono stati conosciuti da tutti coloro che non hanno trovato un taxi o hanno visto sconvolto il traffico nelle proprie citt?. Per non parlare di chi ? finito nei cortei dei farmacisti o di chi viene gi? minacciato di restare senza pane. Ma se si chiede alle vittime incolpevoli di tutto questo, che sono poi i cittadini, cosa propone il decreto, quali vantaggi comporta e a favore di chi, si entra nel regno della non comunicazione.

E nel regno della non comunicazione sembra aver ragione chi urla pi? forte e non chi ha pi? cose da dire. Eppure, non si pu? affermare che sull'argomento i mass-media siano stati reticenti. ? mancato, invece, oggi come ieri, un sistema teorico-pratico per comunicare (nel senso di parlare e ascoltare) direttamente con la gente. Comunicare, cio?, come strumento per l'esercizio della responsabilit? collettiva. Strumento democratico per capire le motivazioni dei provvedimenti, per prevederne gli effetti e assumere quindi comportamenti consapevoli e responsabili (di chi governa e di chi ? governato). Un metodo sempre pi? indispensabile proprio nel momento in cui da destra e da sinistra si chiede alla gente di partecipare alla formazione delle decisioni e alla gestione della cosa pubblica.

Occorre, dunque, pensare ad un sistema comunicativo a rete capace di raggiungere il pi? grande numero di persone. Non per convincerle di qualche cosa ma per informarle di tutto. Spetter? poi al sistema dei media approfondire, criticare, suggerire o sollecitare. Senza temere l'accusa di populismo. Chi fa del facile populismo ha bisogno della propaganda non della comunicazione. Senza cadere nella trappola burocratica che per sua natura tende a lanciare messaggi sempre tranquillizzanti e spesso autoreferenziali.

Altrimenti prepariamoci a (ri)sentirci dire, prima o poi, che la sconfitta ? figlia della non comunicazione.


Alessandro Rovinetti, Segretario generale dell'Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale



archivio completo »

AGENDA
tutti gli appuntamenti di Ottobre »












"Comunicazione Pubblica" sostiene

Mappa Aiuto Credits Privacy

Comunicazione Pubblica - Direzione di Milano tel./fax 02/67100712 r.a.
2001-2019 © Comunicazione all rights reserved - P.Iva 04630291005

Il sito web dell'Associazione Comunicazione Pubblica non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto